Leggere di più: come leggere 30+ libri all’annoLettura: 4 min

Warren Buffett, come leggere 30+ libri all'anno

«Read 500 pages like this every day. That’s how knowledge works. It builds up, like compound interest. All of you can do it, but I guarantee not many of you will do it.» Warren Buffett

Questo anziano signore qui raffigurato porta il nome di Warren Edward Buffett. Se questa è la prima volta che ne apprendi l’esistenza, sappi che non è un ottantacinquenne qualunque: il suo patrimonio personale nel 2015, secondo Forbes, è di soli 66,7 miliardi di dollari (al 3/12/15, è sceso a 62,2. Quattro miliardi e mezzo volatilizzati). No, non è un refuso, Buffett possiede proprio 66700000000$, centesimo più, centesimo meno. E’ uno degli uomini più ricchi del mondo; sempre secondo Forbes, nel 2008 era in cima ai Rockerduck mondiali. Per concludere la breve introduzione, il sig. Buffett è considerato all’unanimità il più grande value investor di sempre, tanto da essere soprannominato l’Oracolo di Omaha.

Ma perché questo sproloquio delirante riguardo un plurimilardario? Perché c’è una piccola storia da raccontare.

Il nostro Warren era davanti ad una platea ipnotizzata di 165 studenti della Columbia University. Uno di questi alza la mano e gli chiede una sua opinione riguardo il modo migliore per prepararsi alla carriera di investitore. Dopo qualche momento di riflessione, Buffett agguanta una pila di fogli e di rapporti commerciali che aveva con sé, e risponde: «Leggi 500 pagine come queste ogni giorno. E’ così che funziona la conoscenza. Si somma, come l’interesse composito. Tutti voi potete farlo, ma vi garantisco che non molti, tra voi, lo faranno».

Buffett stima che l’80 percento delle sue ore lavorative sono spese leggendo o pensando. E’ abbastanza per far nascere una domanda: «Sto leggendo abbastanza?»

Quando mi sono posto questo quesito, ho realizzato che non sto affatto leggendo tanto quanto vorrei, o mi piacerebbe, per cui ho riflettuto su un sistema ragionevole che può aiutarmi a leggere una buona quantità di libri all’anno – da 30 in su.

Ma è meglio passare alle spiegazioni…

Come leggere più libri

Se sei un lettore di vecchia data, leggere libri interi è relativamente semplice. Devi solo trovare il tuo tempo per leggere. Ma è più facile a dirsi che a farsi, ovviamente.

Riflettendo sulle mie abitudini di lettura, ho capito che queste sono più reattive, che proattive. Mi spiego: se c’è un link interessante che compare sullo schermo su Facebook o Twitter, allora leggo come reazione. Non sto cercando proattivamente il tempo di leggere dei libri ogni giorno. Sto semplicemente leggendo idee interessanti che qualcuno (o qualcosa) mi piazza davanti agli occhi.

Come risultato, la gran parte della mia lettura si svolge(va) online. Chiariamoci, ci sono un sacco di articoli interessanti sul web (come questi!), ma in genere la qualità dei libri (di qualità, perdonate il gioco di parole) è più alta. I libri, tipicamente, hanno una stesura migliore (più controllata dagli editori), e una qualità di informazione più profonda (per esempio, vi sono molte più evidenze scientifiche e ricerche più estese). Da una prospettiva di apprendimento, è più proficuo per me usare il mio tempo libero per leggere libri cartacei che contenuti online.

Capito ciò, bisogna trovare una strategia che mi aiuti a leggere più libri, senza che le numerose distrazioni della vita iperconnessa di oggi intralcino questo piacere.

Come fare?

20 pagine al giorno

20 pagine al mattinoEcco l’unico metodo che sono riuscito davvero ad applicare con continuità: leggere 20 pagine ogni giorno (meglio se all’inizio della giornata).

Una buona abitudine è, appena svegliati, di bere un bicchiere d’acqua per reidratarsi, scrivere su un taccuino le 3 cose più importanti da completare in giornata, e leggere 20 pagine di un libro. Facendo un po’ di conti, in 10 settimane si possono leggere più di 6 libri (1400 pagine – considerando una media di 200 pagine a libro). Di questo passo, ma ovviamente dipende dalle dimensioni dei libri che scegli di leggere, in un anno si può arrivare a più di una trentina di testi. Che non è male.

Questo metodo funziona perché 20 pagine non sono molte, anzi. La maggior parte delle persone riesce a leggerle in meno di mezz’ora. E se si svolge questo compito al mattino, non si avvertono le urgenze della giornata che, prima o poi, emergono tra un’attività e l’altra.

Per concludere, un’altra nota positiva: 20 pagine sono poche, e con il tempo si diventa lettori più rapidi. In poche settimane, le 20 pagine lette in un dato intervallo di tempo diventano 30, o anche più.

Se gli impegni lo consentono, puoi leggere anche in altri spezzoni della giornata. Per esempio, puoi inserire la lettura in una routine prima di andare a dormire (a fine giornata rilassa moltissimo, sicuramente ne saprai qualcosa). Ma tralasciando i momenti “extra” nella giornata, le 20 pagine al mattino sono più che pratiche.

La prima ora

Come passi la prima ora della giornata?

La maggior parte della gente la usa per vestirsi, prepararsi e uscire di casa. Ma perché non investire questo tempo per imparare qualcosa? Perché non svegliarsi un’ora prima del solito per lavorare su questi aspetti che spesso si tralasciano? Quanto renderebbe questo investimento sul lavoro, all’interno delle relazioni personali, e sulla tua persona?

20 pagine al giorno. Non serve altro.

Cardux
Mi chiamo Massimo, sono nato nel 1989 e scrivo sul mio sito dal 2008. Cosa ho imparato in questi anni online? Che non si smette mai di imparare...