Monitorare un computer altrui: è possibile?Lettura: 7 min

Spiare il computer di qualcuno è un’azione illegale. Illegale al livello “andare in galera”. Nonostante ciò, ci sono alcune eccezioni a questa regola, come monitorare il computer dei propri figli\nipoti o dei propri dipendenti (reso lecito dal Jobs Act), o semplicemente capire come qualcuno può fare la stessa cosa sul nostro computer. Se vuoi, per uno di questi motivi, controllare da remoto il computer di qualcuno, ecco alcuni modi per farlo.

Prima di tutto, un bel disclaimer: controllare il computer di un’altra persona senza il suo permesso non è solo sbagliato, ma è un vero e proprio crimine. Ci sono solo poche e specifiche condizioni in cui puoi essere autorizzato a spiare un computer che usa qualcun altro. Ad esempio, un datore di lavoro può controllare alcune cose, ma solo nelle strumentazioni della propria azienda. Un genitore può tenere sotto controllo l’attività di un figlio, per garantire la sua sicurezza. In ogni caso, oltre a queste situazioni, non c’è molto spazio per un’azione del genere, come è giusto che sia.

Anche nel caso che fosse legale, c’è sempre un limite da rispettare, per evitare di passare la linea dell’illegalità. Ad esempio, un datore di lavoro potrebbe inavvertitamente registrare una password di Facebook di un dipendente, ma se dovesse usarla per leggere i suoi messaggi privati, ecco oltrepassato quel limite.

Per concludere, tracciare qualcun altro senza che questi ne sia a conoscenza (anche se rimaniamo nelle azioni lecite) significa sicuramente violare la sua fiducia. Le giustificazioni etiche e legali non rimettono a posto un legame di fiducia che si è rotto. Quindi, prima di fare qualsiasi cosa, considera sempre i costi sociali del controllare qualcuno. In ogni caso.

Controllare un computer da remoto

Innanzitutto, definisci cosa vuoi tracciare

Scoprire ciò che qualcun altro sta facendo su un computer non è così semplice: sussurrare «Ehi Siri, guarda quello che fa e vieni a dirmelo!» non funziona. Devi sapere con precisione quello che stai cercando. Un genitore potrebbe voler rispettare la privacy del figlio, controllando però che non visiti le parti più oscure di Internet, cercando solo eventuali siti pericolosi. Un datore di lavoro, invece, potrebbe voler sapere un dipendente sta facendo qualcosa di sbagliato per l’azienda, quindi potrebbe voler controllare tutto. In generale, il monitoraggio si suddivide in tre categorie:

  • controllare solo alcune attività

Questo è l’ideale quando non è importante ciò che qualcuno fa quando usa un dispositivo, fino a quando rispetta delle regole. Per esempio, ti interessa controllare se un dipendente perde tempo su Facebook, o se un bambino visita siti vietati ai minori. A volte per fare ciò basta creare dei filtri, anziché sistemi di sorveglianza, per cui vi sono opzioni più soft di un controllo reale.

  • controllare tutte le attività ma solo di alcune applicazioni

Magari vorresti controllare solo alcune applicazioni, per esempio sapere come vengono usate le mail aziendali, o i programmi di chat, o software particolari. In questo caso, è meglio focalizzarsi su un monitoraggio selettivo di questi applicativi software.

  • controllare tutte le attività in tutte le applicazioni

Questo terzo caso, più drastico, presuppone che tu voglia sapere tutto ciò che qualcun altro fa mentre usa il pc. Per esempio sapere cosa fa un bambino quando usa il computer, quali programmi apre, quali siti visita e tutto ciò che vede sullo schermo.

E’ importante decidere bene cosa tracciare, perché salvare troppe informazioni può causare problemi legali. Se vuoi tenere qualcuno fuori da certi siti internet non è necessario un keylogger; se vuoi evitare che bambini visitino siti vietati ai minori, non è necessario leggere tutti i messaggi di Facebook. E’ meglio tenere traccia solo delle informazioni indispensabili.

Scegliere il software giusto

Una volta deciso come e perché si desidera monitorare il computer di qualcuno, è necessario ottenere il software giusto. Ci sono moltissimi strumenti di monitoraggio sul web, ma è meglio fidarsi solo di software house certificate e di una certa reputazione. Bisogna sempre tenere a mente che si tratta di software di sorveglianza. Si possono trovare keylogger gratuiti da siti di sviluppatori improvvisati, ma non si può sapere se effettivamente questi programmi non ci spiino a loro volta (cosa molto probabile). In questo caso, è meglio avere a che fare con aziende già affermate e di cui ci si può fidare.

Monitorare l’attività di un minore: Strumenti di controllo parentale (Windows/OS X)

E' possibile gestire gli account di tutta la famiglia sullo stesso PC, per controllare quelli di minorenni.
E’ possibile gestire gli account di tutta la famiglia sullo stesso PC, per controllare quelli di minorenni.

Sia Windows e OS X hanno strumenti integrati che permettono agli adulti di tenere d’occhio l’attività di un bambino. È possibile utilizzare questi strumenti per monitorare e filtrare l’attività di qualcuno. Ci sono un paio di differenze fondamentali, ma alcune caratteristiche sono condivise da entrambe le piattaforme. Ecco le caratteristiche:

  • Bloccare o controllre un sito web e l’utilizzo di un’app (Entrambi)
  • Impostare un timer per l’utilizzo del computer (Entrambi)
  • Filtrare le applicazioni e i giochi per limiti di età (Entrambi)
  • Nascondere le parolacce con dei dizionari (OS X)
  • Bloccare alcuni hardware, come le macchine fotografiche o le webcam (OS X)
  • Bloccare la comunicazione con determinate persone attraverso applicazioni di messaggistica ed e-mail (OS X)

Per utilizzare queste funzioni, entrambe le piattaforme richiedono di impostare l’account in modalità “bambino”. È possibile trovare informazioni su come creare un nuovo account “bambino” su OS X in questa pagina o su Windows 10 in quest’altra pagina.

Controllare la produttività di un dipendente: ActivTrak (Windows/OS X)

Se vuoi un profilo dettagliato di ciò che qualcuno fa mentre utilizza il proprio pc, ActivTrak è un’ottima soluzione. Con questo software puoi controllare più computer contemporaneamente, e puoi avere rapporti dettagliati sull’attività di un utente. Ecco alcune delle funzioni offerte:

  • statistiche su quando e quanto spesso un programma è utilizzato
  • cattura periodica di screenshot dello schermo visualizzato
  • generazione di grafici del tempo speso nelle diverse applicazioni
  • invia messaggi di avviso quando un utente avvia una attività indesiderata specifica
  • può essere installato in modalità remota se un’azienda utilizza l’ActiveDirectory (a pagamento)

Se sei l’amministratore del sistema, puoi accedere ad un pannello di controllo remoto, in cui è tenuta tutta l’attività a partire dalla configurazione iniziale di ActivTrak.

Monitorare potenziali azioni indesiderate: Spector

Se hai il sospetto che un utente del sistema stia facendo qualcosa di illegale, Spectorsoft ha un enorme suite di software che puoi usare per indagini sia a breve che a lungo termine. Il programma di base Investigator Spector CNE è stato progettato per le indagini a breve termine e viene fornito con una serie di strumenti:

  • cattura screenshot ogni 30 secondi
  • cattura screenshot attivati da parole chiave o quando vengono avviate applicazioni specifiche
  • traccia l’utilizzo, la data dell’ultimo accesso e il tempo speso su siti internet
  • memorizza e archivia email
  • registra chat da tutti i tipi di messaggistica istantanea
  • registra nome, tipo di file, data dei documenti scaricati o caricati sul computer
  • registra tutte le battute sui tasti della tastiera; offre l’opzione di non registrare le password

Spectorsoft offre anche Spector 360, che include report avanzati sull’analisi dell’attività utente, sulla ricerca di parole chiave, e filtri web. L’azienda sostiene che Spector 360 è stato progettato per le indagini e per il monitoraggio a lungo termine , quindi la maggior parte dei datori di lavoro sarà probabilmente soddisfatta anche con CNE Investigator (base).

Tutti i programmi Spectorsoft sono a pagamento. Questo significa che è decisamente costoso e che non è il tipo di programma che l’utente medio vorrà utilizzare per controllare qualcuno. Tuttavia, se si vuole effettuare un massiccio studio aziendale sull’utilizzo dei computer da parte dei propri dipendenti, per studiare perdite e produttività, può tornare utile questa suite.

 

A seconda delle esigenze, potresti aver bisogno di un altro software di monitoraggio, e la buona notizia è che c’è molto altro a tua disposizione sul web. Questi sono solo pochi suggerimenti per alcuni tipi monitoraggio più comune. Ma comunque, tieni a mente che, in quasi tutti i casi, è necessario l’accesso fisico al computer in cui si vuole installare uno di questi software.

Lo so, ti aspettavi di più...

Come avrai capito, monitorare un PC altrui è di fatti possibile, ma non è proprio semplicissimo. Vuoi saperne di più? Puoi sempre inviarmi una mail!

Cardux
Mi chiamo Massimo, sono nato nel 1989 e scrivo sul mio sito dal 2008. Cosa ho imparato in questi anni online? Che non si smette mai di imparare...